Eucharist Miracle Eucharist Miracles

XI° Anniversario della dipartita di Sua Eccellenza Monsignor Claudio Gatti


Il 6 dicembre 2020 ricordiamo l’anniversario della dipartita di Sua Eccellenza Monsignor Claudio Gatti, Vescovo ordinato da Dio. Tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e stargli accanto, hanno potuto vedere, gustare e rendersi conto del suo particolare e fortissimo amore per l’Eucaristia. La sua intera vita è stata una preghiera incessante per far crescere le anime nella vita di grazia e nell’amore a Gesù Eucaristia e alla Madre dell’Eucaristia.

Padre spirituale, confessore, medico, infermiere, consigliere, amico, maestro di vita, esempio di coraggio e dedizione totale. Queste sono solo alcune delle espressioni che vengono in mente per descrivere quella parte della sua magnifica esistenza a cui abbiamo avuto la fortuna di partecipare. Da quel giorno sentiamo un grande vuoto senza la sua presenza fisica, ma allo stesso tempo avvertiamo anche la sua presenza spirituale. Il nostro Vescovo, Sua Eccellenza Monsignor Claudio Gatti dal Paradiso insieme alla nostra sorella Marisa intercedono per la Chiesa, per la nostra comunità e per il mondo.

Attraverso la grazia di Dio non ci sentiamo abbandonati, ma cerchiamo di mettere in pratica tutti gli insegnamenti ricevuti e di continuare a portare avanti una testimonianza di fede, d’amore incrollabile verso l’Eucaristia e verso la Madre dell’Eucaristia. Ecco alcuni pensieri del nostro amato Vescovo: «Voi sapete come camminare insieme a Cristo verso il Paradiso, voi, miei cari, siete figli della luce, siete del giorno, non appartenete quindi alle tenebre, al male e al peccato, che trascinano al distacco da Dio. Noi apparteniamo alla luce e allora continuiamo a compiere opere buone, che aumentano sempre di più la grazia, perché più abbiamo la grazia e più riusciamo ad avere la luce per noi e per gli altri. (…)

Ciascuno di voi deve essere luce, faro all’interno di questa comunità e delle vostre famiglie; è sufficiente una piccola luce per illuminare una stanza e tutti coloro che la occupano. Se voi manterrete l’impegno di essere luce, prima o poi coloro che vi sono vicini riconosceranno gli esempi buoni che date e la testimonianza che praticate e così anch’essi seguiranno Cristo». (Tratto dall'omelia di S.E. Mons. Claudio Gatti del 16 novembre 2008)