Eucharist Miracle Eucharist Miracles

2 aprile 1998

Lettera mandata dai membri del Movimento Impegno e Testimonianza - "Madre dell'Eucaristia" a tutti i parroci, vice parroci e sacerdoti che svolgono il ministero sacerdotale a Roma e in Italia, il 2 aprile 1998

Carissimi sacerdoti,

il vostro confratello don Claudio Gatti è stato sospeso a divinis. La sua colpa è: difendere e amare l’Eucaristia, infondere nei fedeli l’amore all’Eucaristia, far conoscere l’Eucaristia anche attraverso i grandi e ripetuti miracoli eucaristici che si sono verificati dal 1995 fino ad oggi nella sede del Movimento Impegno e Testimonianza "Madre dell’Eucaristia", in Via delle Benedettine, 91-93.

Il Cardinal Camillo Ruini senza nessun motivo nel 1994, dopo l’inizio delle apparizioni della Madre dell’Eucaristia, ha tolto la facoltà di celebrare la santa Messa e di conservare l’Eucaristia nella cappella del Movimento. Da allora sono iniziati e continuano ancora i miracoli eucaristici, dei quali l’autorità ecclesiastica è sempre stata informata. Purtroppo la medesima autorità non ha mai voluto esaminare i miracoli eucaristici, interrogare i testimoni e raccogliere le necessarie informazioni, nonostante che sia stata più volte richiesta la presenza di esorcisti e di esperti.

Di fronte a miracoli di ostie dal cui interno è uscito sangue e acqua, a moltiplicazione dell’Eucaristia nelle mani del sacerdote e della veggente, ad ostie fuoruscite dal costato di un crocifisso e passate attraverso una teca di vetro messa a protezione del medesimo e a numerose altre apparizioni eucaristiche avvenute in modo diverso, hanno liquidato tutti questi miracoli definendoli "fenomeni da baraccone" o attribuendoli ad interventi diabolici o a trucchi.

Con decreti non validi, di questi si occuperà la competente autorità ecclesiastica presso la quale abbiamo inoltrato ricorso gerarchico, hanno imposto a don Claudio di non adorare l’Eucaristia portata da Gesù o dalla Madonna e adagiata sull’altare o collocata nell’interno del tabernacolo o appoggiata sul calice della statua della Madre dell’Eucaristia o su dei fiori. Da questa Eucaristia emana un profumo particolare che sentono coloro che la ricevevano in comunione e che a volte perdura anche dopo la consumazione della specie del pane.

Per aver difeso i miracoli eucaristici don Claudio è stato sospeso a divinis e potrà essere riammesso ad esercitare il sacro ministero solo dopo che avrà riconosciuto di aver tratto in errore i fedeli e assicurato che non adorerà più né farà adorare l’Eucaristia miracolosamente trasportata dal Signore o dalla Madre dell’Eucaristia.

Don Claudio è stato messo davanti a questo dilemma: o rinnegare l’Eucaristia portata da Gesù e dalla Madonna o essere sospeso; il nostro sacerdote per amore dell’Eucaristia e della verità ha preferito essere sospeso.

Gesù ha detto che è iniziata la lotta contro l’Eucaristia, e che è stata fatta la prima vittima.

Chi ama l’Eucaristia, la Madonna, il Papa e i Vescovi uniti al Papa preghi per don Claudio, perché abbia la forza di portare avanti la missione che Dio gli ha affidato: preparare il trionfo dell’Eucaristia.

Chi desidera avere informazioni più dettagliate sulle apparizioni mariane, sui miracoli eucaristici e sui messaggi della Madre dell’Eucaristia può accedere su Internet all’indirizzo http://www.madredelleucaristia.it

Assicuriamo le nostre preghiere a coloro che vorranno mostrare solidarietà al nostro sacerdote don Claudio Gatti.

A cura del Consiglio Direttivo

del Movimento Impegno e Testimonianza

"Madre dell’Eucaristia"

Roma, 2 aprile 1998